{“main-title”:{“component”:”hc_title”,”id”:”main-title”,”subtitle”:””,”title_content”:{“component”:”hc_title_base”,”id”:”title-base”,”image”:””,”breadcrumbs”:true,”white”:true},”title”:”Al cuore non si comanda.”},”section_5ZtkF”:{“component”:”hc_section”,”id”:”section_5ZtkF”,”section_width”:””,”animation”:””,”animation_time”:””,”timeline_animation”:””,”timeline_delay”:””,”timeline_order”:””,”vertical_row”:””,”box_middle”:””,”css_classes”:””,”custom_css_classes”:””,”custom_css_styles”:””,”section_content”:[{“component”:”hc_column”,”id”:”column_4om10″,”column_width”:”col-md-12″,”animation”:””,”animation_time”:””,”timeline_animation”:””,”timeline_delay”:””,”timeline_order”:””,”css_classes”:””,”custom_css_classes”:””,”custom_css_styles”:””,”main_content”:[{“component”:”hc_pt_post_informations”,”id”:”z8YwJ”,”css_classes”:””,”custom_css_classes”:””,”custom_css_styles”:””,”post_type_slug”:””,”position”:”left”,”date”:true,”categories”:true,”author”:false,”share”:true},{“component”:”hc_space”,”id”:”5ZtkF”,”css_classes”:””,”custom_css_classes”:””,”custom_css_styles”:””,”size”:”s”,”height”:””},{“component”:”hc_image”,”id”:”NNKmB”,”css_classes”:””,”custom_css_classes”:””,”custom_css_styles”:””,”image”:”https://www.fabiobuoncompagni.it/wp-content/uploads/2018/10/schermata_2018-02-12_alle_17.13.25.png|500|850|3867″,”alt”:””,”thumb_size”:”large”},{“component”:”hc_space”,”id”:”g1dUv”,”css_classes”:””,”custom_css_classes”:””,”custom_css_styles”:””,”size”:”m”,”height”:””},{“component”:”hc_wp_editor”,”id”:”Tl8L9″,”css_classes”:””,”custom_css_classes”:””,”custom_css_styles”:””,”editor_content”:”Articolo pubblicato nel numero di Febbraio 2018 dei Mensili di informazione locale:\n

    \n \t

  • \”Il Giornale di Chiari\” a pag. 9
  • \n \t

  • \”Il Giornale di Palazzolo s/O\” a pag. 10
  • \n

\n

Ai sentimenti non si può chiedere nulla: il cuore vince sempre sulla testa perché la razionalità non può impedire di provare certe sensazioni o emozioni. Per comprendere tale fenomeno è nata la Finanza Comportamentale. Questa disciplina si propone di comprendere il rapporto tra il “pensare da economista” e il funzionamento della mente umana, ovvero gli aspetti di irrazionalità che colpiscono un individuo quando deve affrontare la gestione dei propri risparmi. Razionalità e irrazionalità sono compresenti nella mente umana; la prima rappresenta la parte di pensiero logico e realistico, la seconda la sua assenza. Cosa impedisce all’uomo di comportarsi in modo perfettamente razionale? Il cuore ovvero le EMOZIONI. Esse influenzano le nostre scelte in ogni ambito e quando gestiamo da soli i nostri risparmi, le forti emozioni, come l’euforia, la paura ed il rimpianto, ci spingono in direzioni sbagliate. Nel caso specifico degli investimenti, la paura viene innescata dal possibile mancato incremento dei nostri risparmi o, ancor peggio, dal timore di subire una perdita. Per via delle emozioni, quando gestiamo i nostri risparmi e si verificano particolari situazioni di mercato avvertiamo spesso paure. Ne consegue che la consulenza in ambito finanziario, contrariamente a quanto si possa credere, non si limita al passaggio di sapere da un esperto a un “non esperto”, ma si rivolge in particolare al contenimento degli eccessi emotivi, e non soltanto in termini di paura, ma anche di eccessivo ottimismo, perché può capitare che l’investimento di cui si è innamorati non si addice affatto alla nostra condizione. Per questo l’Unione Europea ha imposto al primo punto della MiFid (Direttiva sui mercati degli strumenti finanziari) la classificazione della clientela per esperienza e cultura finanziaria. In questo senso, il consulente non gestisce dei patrimoni, ma gestisce dei clienti che hanno dei patrimoni. Come scritto da Oscar Wilde: “[…]Non voglio essere in balia delle mie emozioni. Voglio servirmene, goderle e dominarle. […]” allo stesso modo quando gestiamo i nostri risparmi dobbiamo essere in grado di controllarle aiutati anche dall’esterno. (riproduzione riservata) Fabio Buoncompagni – www.fabiobuoncompagni.it

“}]},{“component”:”hc_column”,”id”:”column_bN5Ck”,”column_width”:”col-md-12″,”animation”:””,”animation_time”:””,”timeline_animation”:””,”timeline_delay”:””,”timeline_order”:””,”css_classes”:””,”custom_css_classes”:””,”custom_css_styles”:””,”main_content”:[{“component”:”hc_wp_editor”,”id”:”iX3PX”,”css_classes”:””,”custom_css_classes”:””,”custom_css_styles”:””,”editor_content”:”[contact-form-7 id=\”3754\” title=\”Form articolo\”]”}]}],”section_settings”:””},”scripts”:{},”css”:{},”css_page”:”#comments hr:not(.space) { display: none; }”,”template_setting”:{“settings”:{“id”:”settings”}},”template_setting_top”:{},”page_setting”:{“settings”:[“lock-mode-off”]},”post_type_setting”:{“settings”:{“image”:”https://www.fabiobuoncompagni.it/wp-content/uploads/2018/10/schermata_2018-02-12_alle_17.13.25.png|500|850|3867″,”excerpt”:”Articolo pubblicato nel numero di Febbraio 2018 dei Mensili di informazione locale: \”Il Giornale di Chiari\” + \”Il Giornale di Palazzolo s/O\””,”extra_1″:””,”extra_2″:””,”icon”:{“icon”:””,”icon_style”:””,”icon_image”:””}}}}

Vuoi capire il mondo del risparmio e degli investimenti?

Iscriviti alla mia newsletter. Riceverai subito 8 videolezioni (una a settimana) in cui ti spiegherò meccanisci e consigli su come affrontare, e migliorare, la gestione del tuo patrimonio.

Tranquillo, niente spam. Infastidisce anche me!

Iscrivendoti dichiari di accettare le condizioni della privacy policy.

Bene, la richiesta è andata a buon fine. Controlla la tua email.